ALCUNE REALIZZAZIONI

ALCUNE PROPOSTE

Stacks Image 3518
Stacks Image 3520

NOMENCLATURA


SFASAMENTO TERMICO – indicatore nella protezione dal caldo estivo
E’ il tempo che serve all’onda termica per fluire dall’esterno verso l’interno attraverso il materiale edile.
Maggiore è lo sfasamento, più lungo è il tempo di passaggio del calore dall’esterno all’interno dell’abitato.
Più elevati sono i valori e maggiore è il risultato in termini di confort nel periodo estivo. Una protezione ottimale è indicata in media sulle 10-12 ore di sfasamento.

TRASMITTANZA TERMICA – valore “U” – indicatore nella protezione dal freddo invernale
E’ il coefficiente che indica la dispersione termica (perdita calore) per metro quadrato di un elemento da costruzione.
Più basso è il valore “U”, più elevato è l’isolamento.
E’ espresso in Watt (energia) per metro quadrato e Kelvin (parametro per la differenza di temperatura usata in termodinamica) : W/m2K.
Esempio: Con una differenza di temperatura fra interno ed esterno e una parete esterna di 200 m2 con un valore “U” di 0,18 W/m2K, la stessa perde solamente 17 kW ore al giorno.

Stacks Image 1315
BLOCKHAUS
E’ una tipologia di costruzione in legno dove le pareti esterne sono costituite da travi di abete rosso massiccio o lamellare disposte orizzontalmente e unite con giunti a maschio e femmina. Negli angoli le travi sono incastrate con giunto di testa a coda di rondine.
La coinbentazione avviene sul lato interno con materiali ecologici e con una perlinatura di legno massiccio in abete rosso.

Stacks Image 1324
Stacks Image 1326
TRASPIRABILITA’
E’ fondamentale per un microclima sano all’interno dell’abitazione. Se la condensa e l’umidità che si formano all’interno (cucina e presenza delle persone) non escono verso l’esterno ma vengono bloccate dalle pareti, con il riscaldamento si crea la condizione ideale per il formarsi di batteri e muffe. Tale umidità su pareti non traspiranti, provoca l’aumento della trasmissione del calore e quindi una maggiore dispersione.
Con una parete traspirante in legno, invece, l’umidità viene regolata in modo naturale. Diventano dei polmoni in grado di immagazzinare l’umidità quando questa è eccessiva (inverno) e di rilasciarla quando l’ambiente è troppo secco (estate). Soluzione ideale per località con tasso di umidità importanti.

CASA PASSIVA
E’ il fabbricato che presenta un fabbisogno energetico per il riscaldamento non superiore ai 15kWh (secondo PHPP Passive Hause Planning Package) per m2 anno ad una temperatura dell’ambiente pari a 20°C.
La temperatura di 20° è un parametro di riferimento mentre sappiamo che ogni individuo poi potrà regolarsi sulle proprie esigenze.
15kWh m2/anno possono corrispondere a 3 kg pellets/m2/anno e quindi 0,80 €/m2/anno.
Per un’abitazione di circa 100 m2 abitativi si parla di 7-10 € di spesa per il riscaldamento esclusi gli investimenti.
La “passività” avviene dal momento in cui l’integrazione, per altro favorita, a impianti per la produzione di energia alternativa (da sole, vento, sottosuolo) fa sì che la stessa diventa autosufficiente dal punto di vista energetico e non va a incidere né sul bilancio energetico del pianeta né su quello economico della famiglia.

IMPIANTI GEOTERMICI:
Utilizzano come sorgente energetica ai fini della climatizzazione, il serbatoio termico rappresentato dal terreno. A 7-8 metri di profondità la temperatura del terreno si mantiene costante a circa 15-18 gradi tutto l’anno (vedi grotte o gallerie). Con una sonda che funge da scambiatore, d’inverno si assorbe calore mentre d’estate lo si cede.

Stacks Image 1358
PANNELLI FOTOVOLTAICI:
Utilizzano le radiazioni solari. I moduli, che producono energia per illuminazione, forza motrice, riscaldamento e condizionamento, sono costruiti da celle fotovoltaiche in silicio che hanno in media una durata di oltre 30 anni.

DIRETTIVA EUROPEA COM (2008) 772 del 9 marzo 2007 e IL PROBLEMA ENERGETICO GLOBALE
Sulla base dell’impegno comune nella salvaguardia del clima del pianeta, la direttiva comunitaria si impegna in particolare a raggiungere i seguenti obiettivi entro il 2020:
- il 20% in meno di emissione di CO2;
- il 20% in meno di consumi energetici;
- il 20% in più di energia rinnovabile.
Il comparto dell’edilizia è interessato da solo per il 45% in quanto:
- le superfici dedicate alle abitazioni è consistente;
- le attività manifatturiere hanno come destinazione la casa e l’edilizia;
- i consumi di energia per riscaldamento o servizi domestici sono importanti;
Stacks Image 1387
Un utilizzo efficiente delle risorse energetiche oltre a contrastare i cambiamenti climatici ci permette di contribuire agli obiettivi europei riducendo di 60 miliardi di euro le importazioni di petrolio e gas.
Ma per far ciò abbiamo urgentemente bisogno di una nuova consapevolezza che ci aiuti a intraprendere un nuovo modo di vivere, uno stile di vita completamente nuovo.
Quindi:
- investire in modo oculato;
- migliorare il confort all’interno delle case eliminando zone troppo fredde o troppo calde;
- proteggere l’ambiente;
- limitare l’inquinamento.
Il risparmio energetico è una risorsa rinnovabile e contribuisce allo sviluppo eco-sostenibile.


Stacks Image 1396

Stacks Image 1398
SISTEMA X-LAM
Tale sistema costruttivo si basa sull'utilizzo di elementi piani portanti di pannelli in legno massiccio a strati incrociati, che assumono, in base alle condizioni di carico, funzione di piastre e/o lastre.
Il legno multistrato a strati incrociati viene prodotto con tavole di abete rosso essiccate artificialmente e incollate. A seconda dell’impiego e dei requisiti statici sono disponibili pannelli a 3, 5, 7 o più strati.
L’incollaggio avviene mediante colla PUR, testata secondo la norma DIN 68141 e i severi criteri dell’istituto MPA di Stoccarda e certificata per la fabbricazione di componenti portanti in legno e strutture speciali secondo le norme DIN 1052 e EN 301. L’incollaggio incrociato sotto forte pressione permette di ridurre al minimo i fenomeni di rigonfiamento e ritiro del legno.
Il sistema X-LAM offre la possibilità di mantenere a vista il lato interno del pannello nelle pareti.